giovedì 26 maggio 2016

"UN 'OMBRA SU MAIGRET", IL ROMANZO DI SIMENON E LO SCENEGGIATO RAI CON GINO CERVI.




E’ esistita per la televisione Italiana, tra gli anni sessanta e settanta, un’epoca irripetibile, quella degli sceneggiati fatti bene, una televisione di qualità specchio di un paese che era più di qualità anch’esso, in quegli anni di boom economico e di passi in avanti notevoli dal punto di vista sociale e dei diritti umani e lavorativi, prima che tutto annegasse in recessioni e anni di piombo. Ancora non so spiegarmi perché un paese con molte persone alfabetizzate alla meno peggio si appassionasse a serie televisive recitate in un ottimo Italiano, con attori raffinati come Cervi, Gazzolo, Albertazzi, Buazzelli e Rascel a impersonare i vari Maigret, Holmes, Philo Vance, Nero Wolfe e padre Brown, e che queste serie le apprezzasse e le ricordi tuttora con immutato affetto; forse perché molti dei nostri padri/ madri e  nonni /nonne avevano si studiato poco ma erano intelligenti e curiosi/e, e amavano nobilitarsi con la televisione che era appunto un mezzo per accrescersi culturalmente; perché ora tanta gente anche laureata scelga regolarmente di abbrutirsi coi reality, quarti gradi, quinte colonne e altri prodotti di una televisione ormai nemica della cultura e della decenza è veramente un qualcosa di misterioso, evidentemente si apprezza il bello solo quando è irraggiungibile e una volta a portata di mano lo si schifa.


Beh, si diceva di questi sceneggiati RAI dei tempi d’oro; in Italia si capì prima che altrove che si poteva fondere con ottimi risultati letteratura (un classico o comunque un romanzo famoso come punto di partenza) teatro (gli attori protagonisti venivano quasi tutti dal teatro, e spesso le riprese erano in presa diretta e appunto di taglio molto teatrale) e cinema (perché comunque si girava anche in esterni) per creare prodotti mai visti prima, riuscitissimo connubio di tre arti che non ha avuto eguali altrove. Oggi, parte di questa tradizione sopravvive sicuramente nella riuscita serie del Commissario Montalbano con Zingaretti, anche se il macchiettismo ostentato di molti comprimari è veramente stucchevole.
Di sceneggiati memorabili anche solo di genere poliziesco ce ne sono moltissimi, anche creati ex novo; dal mitico “Segno del comando” ambientato in una Roma sghemba e notturna del tutto inedita, al bellissimo e inquietante “Ritratto di donna velata” ambientato nella mia Toscana, all’altrettanto suggestiva Sicilia de  “L’amaro caso della Baronessa di Carini” i superlativi si sprecano.
Ma il grosso della produzione, nella tradizione degli sceneggiati,era tratto da opere già esistenti, alcuni veri e propri masterpiece, e la serie a cui sono più affezionato (anche se forse come qualità effettiva i migliori in assoluto sono i tre Philo Vance con Giorgio Albertazzi) è senz’altro il Maigret di Gino Cervi, e non solo perché quest’ultimo sarà sempre il mio amatissimo Sindaco Giuseppe Bottazzi detto Peppone, ma perché questo grande attore ERA Maigret, e lo stesso Simenon ammise che, tra i tanti, Gino Cervi era senz’altro colui che si avvicinava di più al personaggio.
Ma non era il solo Cervi a funzionare; la grande Andreina Pagnani era una signora Maigret altrettanto esemplare, e i comprimari di ogni episodio, tutti attori di gran classe ed esperienza, contribuirono a creare uno prodotto giustamente rimasto negli annali della tv e, cosa ancora più importante, nel cuore della gente.


Per il primo episodio della fortunata serie durata dal 1964 al 1972, oggi diremo il “Pilot” , fu scelto uno dei più bei romanzi di Simenon, ovvero “Cecile est mort” da noi noto con il comunque azzeccato “Un’ombra su Maigret”.
Questo romanzo ha in se tutte le migliori qualità dello scrittore; la rappresentazione della Parigi del tempo talmente vera da essere in parte idealizzata (Simenon, dal dopoguerra in poi, visse perlopiù negli Stati Uniti e scriveva di Parigi mentre si trovava in Texas o in Arizona…) i delicati ritratti di persone ai margini della società e la grande umanità del commissario, gli ingredienti dei Maigret migliori; ma a tutto questo in Cecile est mort si associa anche una trama poliziesca robusta (cosa molto rara in Simenon, che non era certo giallista funambolico) e una soluzione finale degna di un’Agatha Christie, che aggiunge valore a un testo già preziosissimo.
La storia, in fondo, è la tragedia di una perdente, la dolce Cecile, ancora giovane ma già sfiorita, tiranneggiata senza pietà da una zia paralitica gretta e meschina; di donne così, che per chissà quali motivi reconditi rinunciano a vivere e si votano al sacrificio per gente che nemmeno le apprezza o le ringrazia ce ne sono molte ancora oggi, ma ai tempi di Simenon era ancora più semplice tenere una donna, specie se zitella e di pochi mezzi, sotto il tacco; e come l’autore, dalla forte personalità e assiduo frequentatore di ben altri tipi di donne sia riuscito a rendere tanto bene una personalità così agli antipodi della sua è semplicemente l’ennesima dimostrazione del suo genio letterario.
Cecile, sulle prime, per il povero commissario già oberato di lavoro è solo un grosso grattacapo; la ragazza infatti si presenta tutti i giorni al commissariato, aspetta per ore e ore che Maigret e solo Maigret la riceva (che la giovane ne sia un poco innamorata?)e quando finalmente, per sfinimento, riesce a parlarci, gli racconta una strana storia di oggetti che cambiano di posto e mobili spostati durante la notte. Il commissario cerca di aiutarla, manda qualcuno a indagare, ma poi perde la pazienza e la scaccia dicendole di importunare qualcun altro con le proprie fisime.
Ma un brutto giorno la vecchia zia di Cecile viene brutalmente strangolata nel suo letto e poche ore dopo la stessa ragazza viene trovata anch’essa morta proprio in uno sgabuzzino del palazzo di giustizia. Maigret è fuori di se per la rabbia e il senso di colpa, e inizia un’indagine che avrà dei risvolti decisamente inattesi.


Da questo romanzo, in fin dei conti abbastanza breve come tutti i Maigret, il regista Mario Landi trasse appunto l’omonimo sceneggiato in tre puntate dalla durata complessiva di 3 ore e 40 minuti, ben più del tempo che ci si mette a leggere il romanzo; questo perché il libro è reso in maniera non solo letterale ma anche teatrale, Gino Cervi è un Maigret calmo, placido,che almanacca con la stufa, che si crogiola con un bicchiere di vino, che fissa sorridendo la moglie che sferruzza; quello che per molti oggi sarebbe un ritmo pachidermico era invece ciò che nobilitava questi sceneggiati, che rilassavano lo spettatore, gli raccontavano un romanzo attraverso la parole e le immagini. Io ho già visto due volte questo splendido episodio scritto bene e recitato meglio, e invito veramente chi non lo conosce a scoprirlo, preferibilmente dopo aver letto il romanzo (Che comunque Adelphi pubblica col titolo tradotto letteralmente di Cecile è morta) e invito chi lo conosce già a rivederlo ancora, perché prodotti come questo meritano un’ammirazione persistente.

7 commenti:

  1. Ho letto poca roba di Simeon (che come scrittore rispetto molto) ma dal punto giallistico non lo trovavo un gran chè, vedrò visto che sembra interessante come libro e come giallo e chissà forse vedro anche la serie (Recuperare cose del genere a volte è abbastanza complicato, basti pensare lo scorso post, per trovare il film ho fatto una faticaccia e approposito, veramente bello.

    RispondiElimina
  2. Ho letto poca roba di Simeon (che come scrittore rispetto molto) ma dal punto giallistico non lo trovavo un gran chè, vedrò visto che sembra interessante come libro e come giallo e chissà forse vedro anche la serie (Recuperare cose del genere a volte è abbastanza complicato, basti pensare lo scorso post, per trovare il film ho fatto una faticaccia e approposito, veramente bello.

    RispondiElimina
  3. Ciao, innanzitutto mi fa piacere che tu abbia apprezzato "Incubi notturni". Su Simenon, se cerchi un buon giallo non posso davvero consigliartelo perché le sue peculiarità erano altre che non le trame ingegnose, ma con questo romanzo troverai veramente una bella trama poliziesca.

    RispondiElimina
  4. Ciao Omar, bel post! Per una volta volevo provare io a darti un consiglio :). Ho individuato qualche giorno fa su youtube una serie di 5 (se non ricordo male) puntate in bianco e nero del romanzo "la pietra di luna" di wilkie collins. Non ho ancora avuto il tenpo di guardarle ma te le volevo comunque segnalare... ho letto il romanzo poco tempo fa leggendo per caso il tuo post sulla top ten giallistica e mi è piaciuto particolarmente!
    Grazie come sempre dei consigli;).

    RispondiElimina
  5. CIao Francesco, le puntate dello sceneggiato che citi sono sei, me lo ricordo perchè l'ho visto qualche anno fa e me lo ricordo assolutamente adorabile, con degli attori bravissimi e una gran cura dei dettagli e della resa del romanzo. Mi hai dato l'idea per un nuovo post, ma dovrei rivedermeli..

    RispondiElimina
  6. Hai fatto una giustissima considerazione a proposito del rapporto che c'era allora tra gli utenti e i prodotti televisivi di qualità che venivano proposti allora. Ma tieni presente che non c'era tutta questa ipertrofia di offerte, e l'evento televisivo era il "climax" di un intera settimana ( se non di mesi) , e poi se ne parlava per anni facendo diventare il tutto un patrimonio nell'immaginario collettivo di intere generazioni. Un saluto

    RispondiElimina
  7. Ciao Ciro; d'accordissimo con la tua considerazione, ma credo che l'affezione per il pubblico fosse anche per la qualità del prodotto proposto, oltre che perchè di fatto era l'unico; tanti sceneggiati sono stti infatti giustamente dimenticati, non è che fossero tutti memorabili, ma ciò che è "rimasto" catturerebbe, se proposto in prima serata in una rete ammiraglia (sogno impossibie) ancora la sua fetta di spettatori, molti nostalgici ma anche molti amanti della buona televisione; ci potessero essere anche mille canali (e quasi ci siamo) un buon prodotto la sua nicchia di pubblico la trova sempre. Mi conoslo del fatto che di questi programmi odierni non se ne parli più dopo appena qualche giorno, se non per denigrarli.

    RispondiElimina