venerdì 26 giugno 2015

IL GIALLO NEI FUMETTI; IL MYSTERY NELLA SAGA DI TEX WILLER.


 

Proseguo il mio percorso "alternativo" sulla letteratura poliziesca parlando di fumetti. Quello della nona arte è un linguaggio che nel corso del tempo si è notevolmente evoluto e arricchito, se non in qualità, in tematiche; ormai il fumetto Italiano e mondiale presenta infinite serie, infiniti personaggi che rappresentano tutti i generi.

Prendiamo la casa editrice Bonelli, che per quanto riguarda i comics in Italia fa la parte del leone assieme alla Panini. Una volta aveva solo 4 o 5 personaggi (Tex, Zagor, Il piccolo Ranger, Il comandante Mark...) ora ne ha decine. Il primo "eroe" di una serie poliziesca fu Nick Raider, dagli anni ottanta fino al 2006; ora il personaggio di punta per il giallo è Julia, una detective in gonnella somigliante a Audrey Hepburn, fumetto molto addentro alla realtà di oggi, e per me noioso e senza sussulti come i telefilm preserali.

Ma di fumetto contemporaneo non parlo, perchè non lo seguo. Io sono legato ai fumetti di una volta, conosciuti e amati grazie ai miei genitori, e sono legato affettivamente soprattutto alle vecchie storie Disney, a Tex e a Zagor; serie dove poteva avvenire di tutto, specialmente un tempo dove il fumetto era più libero perchè i lettori accettavano ogni deviazione narrativa con piacere, consci che il divertimento veniva prima di tutto, mentre adesso, specialmente su Tex, una storia con elementi soprannaturali o comunque alternativi al puro Western sono un evento perchè ci si preoccupa troppo della verosimiglianza.

Ma ripeto, lasciam perdere il serioso fumetto odierno, e concentriamoci sul vecchio Tex, quando lo scriveva il suo creatore Giovanni Luigi Bonelli, e lo disegnava il grande Aurelio Galleppini. La serie poi venne continuata, dopo l'abbandono per motivi anagrafici di Bonelli, da altri autori tra cui Claudio Nizzi, che prima di sbarcare su Tex, e anche adesso che ha lasciato la serie, è uno scrittore di gialli; grazie a questa sua vena, abbiamo avuto per un certo periodo delle ottime storie in salsa mystery di Tex, anche se  al poliziesco indulgeva ben volentieri già Bonelli, che amava sia scrittori neri come Mickey Spillane che giallisti come Edgar Wallace.
 
 

Fin dagli albori della saga Texiana, infatti, abbiamo storie con l'elemento misterioso molto spiccato. Nel primo periodo della serie, infatti, apparve veramente di tutto; alieni, dinosauri, scienziati pazzi, mummie Azteche risorte, civiltà misteriose nascoste tra i monti, altre rimaste ferme all'epoca dei conquistadores, e soprattutto l'infernale negromante Mefisto, nemico numero uno di Tex, dapprima spia e doppiogiochista e poi, grazie alle arti magiche che padroneggia, sempre più temibile stregone; quindi qualche storia del mistero, per quanto inverosimile, era davvero il meno.

Ma prima di tutto va inquatrato il tipo di narrativa poliziesca che presentava Bonelli; non creava infatti gialli veri e propri, che sarebbero stonati in una serie comunque Western, ma amava proporre questa classica situazione; un cattivo dalla doppia identità molto intelligente e spietato  a capo di una banda che, per non farsi riconoscere dai suoi stessi sgherri, camuffava il suo aspetto. Ovviamente poi questo cattivo risultava essere puntualmente uno dei personaggi più simpatici e insospettabili, che anzi durante la storia spesso diventa "alleato" di Tex.

Il primo caso di "cattivo camuffato" si ha nel numero 4 della serie gigante (come saprete Tex dapprima uscì in formato a striscia e poi venne raccolto in fascicoli formato libretto che sono quelli che tutti possiedono, e per comodità citerò questi anzichè il formato originario) dove a fare il doppio gioco è Stern, di giorno innocuo paralitico sulla sedia a rotelle dall'aria irreprensibile, ma che poi diventa un losco figuro con occhiali neri e barba posticcia, per nulla invalido, che comanda una terribile banda composta sia da occidentali che da terribili cinesi torturatori (Erano gli anni di Fu Manchu e del pericolo giallo) . La storia si intitola "La banda del rosso", ed è una delle migliori tra le prime avventure.

Nella storia immediatamente successiva (numero 5) abbiamo invece la prima Dark Lady in gonnella, la splendida "Satania", bellissima quanto perfida capobanda con servitori malesi e un feroce Orango come cane da guardia (vi viene in mente un certo racconto di Poe?); a proposito del mitico Orango Gombo, l'aggressione di quest'ultimo a Tex e Carson è una degli episodi più terrificanti e affascinanti della saga.
 
 
 
Satania..e Cora Gray (fonte immagini; sito "baci e spari").
 

In ogni caso, fin da questa storia emerge il limite di Bonelli come giallista;  Satania, che indossa una maschera vagamente piratesca, è una sventola mai vista prima, e in tutto il circondario chi  è l'unica donna bella come lei? la ballerina e chanteuse Cora Gray, che Galleppini modellò sulle sublimi fattezze di Rita Hayworth. Quindi, chi ci celerà sotto la maschera di Satania? insomma, individuare il colpevole non era certo difficile, ma di fronte a storie tanto scatenate e palpitanti, chi se ne importa?

Dopo Satania, per avere un altro figuro con barba posticcia bisogna attendere il numero 23, anche se Frank Mulligan non è un avversario memorabile. Ben più impresso nella memoria dei lettori è senz'altro il temibile "Coyote nero", un pericoloso antagonista (appare nei numeri 29 e 30)  che travestendosi da stregone in barba bianca e tunica soggiogherà una tribù di fino ad allora pacifici Piutes, impiegandoli nelle sue malefatte. Ovviamente sotto la maschera del Coyote nero, che per poco non riesce a fare la pelle a Tex, si cela l'individuo in apparenza più innocuo del paese.

 
 

Tre numeri dopo, 32 e 33, abbiamo la storia più genuinamente poliziesca di Bonelli, ossia "L'uomo dalle quattro dita", storia a enigma con poca azione e con un colpevole non del tutto scontato, furbissimo e subdolo ( e sempre a capo di una banda, e sempre con barba finta e occhiali neri) , e che  usando un trucco preso pari pari dalla "Traccia del serpente" di Rex Stout, non riesce per un soffio a eliminare Tex; per la precisione ci prova con un bicchiere di whisky avvelenato, morte certa dalla quale il ranger si salverà per uno dei suoi proverbiali colpi di fortuna; il bicchiere gli viene tolto di mano da un ubriacone, che beve tutto d'un fiato e cade a terra morto. Vabbè.
 
 

Ma il capolavoro del mistero di Bonelli, quello più spettacolare, l'apoteosi dell'assassino mascherato, lo abbiamo nei numeri 45 e 46; la spettacolare storia "La voce misteriosa" (o La valle della paura) parla infatti non più di un capobanda, ma di un enorme scimmione che gira per la prateria con un cavallo nero a tagliare la testa ai poveri malcapitati che incontra; per tutti un demone, per Tex un assassino in carne e ossa, che cerca di capire chi si cela sotto il travestimento integrale (non più una semplice barba  finta) dello scimmione assassino. Vi sembra assurda? magari si, ma questa storia è uno spettacolo assoluto, di suspense e di atmosfera, e con un finale terribile ma anche patetico; potrei recitarla a memoria, avessi un euro per ogni volta che l'ho letta vivrei di rendita per anni, credo. Sfortunati i bambini che crescono senza averla letta, anche se si risparmieranno qualche incubo (oddio, sempre meglio delle immagini dell'isis al tg della sera, non vi pare?).
 
spettacolare cover di Galep con lo scimmione assassino.
 

Dopo questa storia memorabile, per un po la vena mystery di Bonelli si appanna, anche se la qualità generale delle storie cresce. nel corso degli anni, comunque, Bonelli non abbandonerà mai, fino alla fine della sua avventura con Tex, la tematica del capobanda camuffato, sempre evolvendola; le ultime grandi storie con cattivi in maschera sono “Chinatown” (numeri 109-113) dove agiscono i cinesi capeggiati dal terribile "Drago", la cui identità fu per me, la prima volta che la lessi, uno shock notevole, poi la misteriosa "Maschera di ferro" che capeggia una banda di Afroamericani nella storia "Il clan dei cubani" (numeri 229-232) e per finire la terribile setta di fanatici religiosi che appare in una delle avventure più crudeli e disturbanti della saga (numeri 248-249) , nella quale i capi in maschera sono più di uno, ma stavolta non fanno sorridere per ingenuità come nelle prime storie, fanno davvero paura.

Dopo un periodo dove nelle sceneggiature a Bonelli padre si alternava Bonelli figlio, ossia Sergio (che scriveva sotto lo pseudonimo di Guido Nolitta, e aveva un approccio più realistico e crepuscolare verso il ranger), arrivò come detto Claudio Nizzi, un fumettista dalla vena mystery piuttosto spiccata oltre che, naturalmente, un gran senso dell'avventura; iniziò alla grande con storie memorabili, ma la sua vena si esaurì. Lentamente ma inesorabilmente, dalla seconda metà degli anni novanta in poi, e le sue ultime storie Texiane, compreso il deludentissimo ritorno di Mefisto, sono ampiamente sotto la sufficienza.

Ma concentriamoci sul primo periodo, il migliore. Già dalla sua primissima storia (numeri 273-274)  intitolata "Un diabolico intrigo" si ha un enigma giallo con tutti i crismi. Il poliziesco Nizziano  molto diverso da quello di Bonelli, Nizzi infatti ci regala delle vere e proprie storie gialle in salsa Western, con un ampio ventaglio di possibili colpevoli e soluzioni talora davvero soprendenti. Le due storie gialle più belle in assoluto dell'autore sono senz'altro "I delitti del lago ghiacciato" (numeri 285-287) dove gli enigmi da svelare sono molteplici, e soprattutto la splendida "La locanda dei fantasmi", contenuta nei numeri 301 e 302, dove si riaffronta il tema del killer seriale, con una soluzione ingegnosa e dolorosa.
 
 

Notevolissime, per suspense e atmosfera, sono anche "La nave perduta" (nn.328-330) e "La  miniera del terrore" (nn. 336-338) dove l'elemento poliziesco è marginale ma comunque importante.

Dopo queste storie, oltre trecento numeri fa, il giallo si è visto col contagocce; a parte una storia, la buona "Orrore" di Michele Medda, che si rifà al tema di Jack the Ripper (numeri 409-410) l'elemento poliziesco, dirottato in altre serie a tema, svanisce da Tex, o comunque trattato assai marginalmente.

Inutile illudersi, i tempi dei cattivi in maschera o con le barbe finte sono finiti per sempre, la narrativa odierna, compresa quella a fumetti, è malata di verosimiglianza, di "adultità". E a noi romantici non resta altro che godere come pazzi rileggendoci i capolavori del grande Bonelli, uno a cui gli autori odierni, quello poco ma sicuro, a malapena sono degni di lustrare le scarpe.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




4 commenti:

  1. Ho sempre adorato le storie gialle di Tex. Non saprei dire esattamente perché ma le trovavo anche più interessanti dei gialli-gialli, forse perché mi piaceva particolarmente quel connubbio tra western e mistero. Una delle storie che ho amato di più è stata Chinatown, ma mi ha sempre disturbato il fatto che la storia non si concluda con lo smascheramento del Drago, ma prosegua senza scopo secondo me con la trasferta di Tex e dei suoi pards in Messico alla ricerca dei complici d'oltreconfine. A mio avviso un giallo deve concludersi con la scoperta del colpevole. Non si può annacquare tutto con una lunga e inutile appendice come quella. Se Bonelli voleva raccontare il seguito della storia in Messico, avrebbe dovuto cominciare un altro episodio, secondo me. Per fortuna in quelllo che per me è un "quasi-remake" di quella vicenda, "Il clan dei cubani", rimediò con un finale adeguato. Tu cosa ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuto sul blog. Concordo pienamente con te, le storie gialle di Tex sono molto interessanti secondo me per due motivi; perchè sono molto rare in una seire che tratta di altro, e perchè rispecchiano il mondo meraviglioso creato da Bonelli padre, dove in fin dei conti il far west è una terra di mezzo dove ogni genere può trovare espressione (adesso molto meno, purtroppo). Su Chinatown sonttoscrivo il tuo commento parola per parola; fai conto che "La rete si chiude" è uno dei pochi albi tra i primi 200 che non so a memoria, evidentemente Bonelli, impegnato a sceneggiare i grandi capolavori della saga come "tra due bandiere" "Sulle piste del nord e "Il figlio di Mefisto" perse un poco le fila di questa storia che in fondo risulta squilibrata, ma con una prima parte da urlo (merito anche di Letteri, unico e inimitabile, nel suo momento migliore). E come tu dici "Il clan dei cubani" che per me è l'ultimo grande capolavoro Bonelliano (assieme al Marchio di satana, anche questa storia misteriosa e sinistra), travolgente e con un quartetto di pards in forma stratosferica (potrei citarti pagine e pagine a memoria, ti giuro) è forse una storia superiore proprio perchè perfettamente calibrata. Un caro saluto, a risentirci quando vuoi che di Tex parlo volentieri sempre e comunque :)

      Elimina
    2. Ciao, grazie per la risposta. Sono contento che tu condivida le mie opinioni in merito. Tra l'altro essendo un blog sul giallo potremmo spingerci anche un po' più in là e notare come la particolare passione di Bonelli per le storie incentrate su qualche misteriosa organizzazione criminale capeggiata da qualche ancor più misterioso individuo che si nasconde quasi sempre dietro una maschera o un travestimento rimandi sì, come notavi anche tu nell'articolo, alla memoria di molti romanzi di Edgar Wallace, ("Il cerchio rosso" è il primo che mi viene alla mente, ma ce ne sono molti altri), ma anche ai gialli di Francis Durbridge, che dagli anni '40 in poi, prima alla radio e poi in televisione ha costruito intricatissime trame sulla base proprio di questi elementi. "Melissa" "Giocando a golf una mattina" "Un certo Harry Brent", le cui versioni italiane sono tutte targate Rai, ne sono dei validissimi esempi. Inoltre, tornando a Tex, tra le storie che non citi nell'articolo inserirei anche "Il ritorno della Mano Rossa" (307/309), se non altro per l'importanza che questa organizzazione ha avuto nella storia di Tex, visto che è la prima che si trovò ad affrontare nel primissimo numero della serie. Anche se purtroppo la buona storia di Claudio Nizzi fu rovinata, secondo la mia personalissima opinione, dai disegni di un insufficiente Jesus Blasco.

      Elimina
    3. Ciao Bookworm; su Bonelli e la sua supposta passione per Edgar Wallace (che io do per scontata nonostante nessuna fonte riporti di un GLB lettore Wallaciano) ho affettuosamente "litigato" su un forum texiano anni fa, in quanto c'è chi sostiene che le idee di sette e capi misteriosi GLB le prendesse dai comics americani degli anni trenta, mentre per me si divorava i libri gialli degli anni trenta, le cosiddette palmne, che a Milano si trovavano in qualsiasi libreria ed andavano di moda. In ogni caso ribadisco la mia tesi; nessuno più di Wallace ha influenzato Bonelli padre nelle sue storie a tinte gialle, a parte Spillane (ma per la violenza metropolitana nelleprime storie, più che per i gialli). Su Durbridge ho qualche dubbio, penso possa aver influenzato più Nizzi che GLB, ma tutto ci sta.
      COncordo con te sul ritorno della mano rossa, l'avevo dimenticata non rileggendola da anni, e indovina perchè? non mi piacciono i disegni.. ;)

      Elimina