giovedì 13 giugno 2013

L’ANGOLO DELLE SEGNALAZIONI; GLI AGATHA CHRISTIE RITRADOTTI.



Apro un post una volta tanto non divulgativo, ma recentemente ho fatto una piccola ricerca su Agata Christie che vorrei condividere con voi.

Due mesi fa sono usciti 5 volumi di Agatha in un’edizione di pregio, e tra questi c’erano “L’assassinio di Roger Ackroyd” e “Asssassinio sull’orient-express”; ho fatto tanto d’occhi quando un mio amico mi ha segnalato che le traduzioni non erano le solite ufficiali di Alfredo Pitta e Giuseppe Motta, ma presentavano quelle più recenti e complete della Zazo e della Griffini.
 Credevo che queste fossero traduzioni nuove di zecca fatte apposta per dare lustro alla nuova collana, ma invece esse risalgono a una ventina di anni fa, ed erano state pubblicate in alcuni Omnibus mondadori ora piuttosto rari e costosi e pi, per misteriosi motivi editoriali, le edizioni Oscar Mondadori successive al restyling avevano comunque la traduzione vecchia.
Io mi chiedo; perché commissionare e pagare una traduttrice che svecchia e attualizza il testo, pubblicarlo solo su un omnibus a tiratura limitata e poi stop fino ad adesso? Non so rispondervi, siamo a livelli Beckettiani di assurdità.
Comunque sia come sia adesso le nuove traduzioni di due dei più importanti capolavoir di Agatha sono finalmente disponibili per tutti. A questo punto mi sono chiesto; avranno ritradotto anche altri testi,ci saranno anche altre opere della Christie finalmente più complete e fruibili?

La risposta è SI.

Grazie ancora a questo mio amico e dopo alcune ricerche in libreria, ho scoperto che la Mondadori ha pubblicato nella collana attualmente in libreria versioni ritradotte di;


-POIROT SUL NILO, trad. Maria Grazia Griffini
-SE MORISSE MIO MARITO, trad. Rosalba Buccianti
-LA SERIE INFERNALE, Maria Grazia Griffini
-LA DOMATRICE, trad. Maria Grazia Griffini
-LA PAROLA ALLA DIFESA , TRAD. Maria Grazia Griffini

NB ; non chiedetemi a quando risalgono perché non lo so.

Quindi ,sommati ad Acroyd e all’Orient-express, circolano almeno 7 romanzi ritradotti, e questo SENZA NESSUNA PUBBLICITA’ da parte della Mondadori; ma perché non mettere in copertina uno strillo che segnala la nuova traduzione?i li avrei comprati tutti al volo già da tempo se lo sapevo! Dispiace dirlo, ma  la politica Mondadori verso i gialli non è decisamente impeccabile( che rabbia anche i classici del giallo che continuano a ristampare in versioni mutilate….ma costerebbe proprio tanto integrare il testo?)  visto che non fanno o se fanno non lo fanno sapere. Bah.

Una parola su queste traduzioni nuove; vorrei che non crediate che fin a ora i romanzi succitati circolassero in versioni pesantemente tagliate o che; erano integrali,a parte Roger Ackroyd nel quale Motta tagliò una conversazione sulla coltivazione delle zucche ( e non fece nemmeno male)..e altri dialoghi,così come Orient-express risentiva ancora di alcune magagne dovute alla censura Fascista. No, queste traduzioni hanno più la finalità di svecchiare il testo che di integrarlo, quindi se non siete proprio puristi va bene anche se avete le vecchie edizioni; ma sto rileggendo la parola alla difesa Ritradotto…e che stile ragazzi! La Griffini è grandissima a rendere la musicalità della prosa della Christie, mentre la vecchia traduzione di Andri era più piatta e monotona. Intendiamoci,non ho nulla contro le traduzioni un pò arcaiche e piene di Toscanismi, ma sinceramente con il Restyling i testi sono molto più scorrevoli e fruibili, oltre che rispettosi della prosa originale dell’autrice.

E poi guardate che bella copertina la nuova edizione;



Come si fa a non prenderla?

Una richiesta a chi legge; se conoscete altri romanzi della Christie ritradotti, vi prego di segnalarli!.


Inoltre, già che sono qui, annuncio che la collana dei gialli del corriere della sera (tutti tratti dal catalogo Polillo)  è stata prolungata di altri 15 titoli! Una occasione ottima per reperire a 6,90 libri che a volte costano più del doppio.

Questo il link:


http://www.corriere.it/iniziative/giallicorriere//index.resources/bg-1.jpg


A risentirci per nuove News!!

11 commenti:

  1. Il prolungamento della collana dei gialli del corriere mi fa molto piacere. Magari è la volta buona che recupero "Il cerchio rosso" di Wallace (gli altri autori non li conosco, quindi se ci sono dei "must-have" me lo dirai tu).
    Questa recente ristampa delle opere della Christie con le nuove cover (identiche a quelle dell'edizione inglese) è davvero interessante e da tenere d'occhio. Io aspetto una bella ristampa de La casa dei sogni, che la cover inglese con le farfalle è bellissima! Bella anche quella di "La parola alla difesa" (e se uno ha letto il libro è ancora più bella e significativa)

    RispondiElimina
  2. Il cerchio rosso è un capolavoro, e libri belli e noti dei nuovi 15 sono l'ospite invisibile e il grande mistero di Bow, che io ho già in ottime traduzioni Mondadori. Le nuove cover dei Christie sono alcune belle e altre un po meno, ma sempre meglio delle orrende foto che ci hanno perseguitato per un decennio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le trovo tutte belle, perché pertinenti alla storia.

      Elimina
  3. Ecco il perché di questa nuova edizione ^__^
    A me secca sempre leggere i refusi... Nelle edizioni degli oscar vecchiotte ci sono spesso errori di stampa e sviste. Mi auguro che nelle riedizioni siano stati corretti ^^

    RispondiElimina
  4. Si Anna, le traduzioni nuove sono molto curate anche da quel punto di vista. Ma quelo che si guadagna è l'effettiva qualità dela lettura; refusi aparte, la precedente traduzone della parola alla difesa è piatta, poco musicale; i dialoghi sono molto statici e impersonali, mentre nella nuova traduzione ogni personaggio si esprime in modo adeguato al suo carattere, con espressioni più o meno instintive, fredde o colorite.

    RispondiElimina
  5. Vorrei ricordare anche il caso particolare di "Il Terrore viene per Posta" (The Moving Finger, 1942), che nelle edizioni americane ha circa 9000 parole in meno, rispetto alla versione inglese, visto che negli USA venne serializzato su una rivista. Possiamo però noi tutti verificare le differenze perchè l'edizione inglese è presente nei nuovi volumi con le nuove copertine, e nelle vecchie gialle e nere dalla 29 edizione in poi; mentre quella americana è presente nei volumi di pregio in copertina rigida blu scura che sono usciti da un paio di settimane.

    Qualche esempio delle differenze: 8 Capitoli nella versione Uk, 14 nella USA, i capitoli Usa sono più brevi. Nel primo capitolo nella versione UK ci sono circa 15 righe in più all'inizio. E poi un punto random, la fine del capitolo 1 e l'inizio del capitolo 2 UK:
    --

    Ma c'era tutt'altro che pace e tranquillità in serbo per noi.

    2

    Circa una settimana dopo tornai a cena e trovai Megan seduta sui gradini della veranda, il mento appoggiato sulle ginocchia.
    Mi salutò, come al solito, senza tante cerimonie.
    --
    Ecco lo stesso pezzo nella versione americana, si trova in mezzo al capitolo 4, o 5:
    --
    Lo osservai con curiosità.
    Scosse la testa, ma il suo sguardo era assente.
    rispose. Ma questa storia non mi piace Burton, Finirà per provocare dei danni. >

    quando tornai a casa trovai Megan seduta sui gradini della veranda, il mento appoggiato sulle ginocchia.
    Mi salutò, come al solito, senza tante cerimonie.
    --
    e questo è quanto praticamente due libri diversi, manca anche l'accenno al passaggio di una settimana, con moltissime differenze sostanziali nella narrazione, e nella descrizioni di personaggi ed ambienti, che fanno della Christie, una grossa testimone sociale della sua epoca.

    A mio parere personale la versione USA, è un obbrobrio, dovuto alla necessità derivata dalla pubblicazione su rivista, di mantenere serrato il ritmo della narrazione, ma fa perdere molto in caratterizzazione dei personaggi e della storia stessa...

    del resto 9000 parole sono un'enormità!

    voi che ne pensate?

    RispondiElimina
  6. Riscrivo qui il brano del romanzo, perchè la formattazione si è mangiata i pezzi fra virgolette! :P

    questa è la fine del capitolo 1 e l'inizio del capitolo 2 UK:
    --
    "Siamo venuti qui a Lymstock per starcene tranquilli, in pace, ed è esattamente quello che voglio."
    Ma c'era tutt'altro che pace e tranquillità in serbo per noi.

    2

    Circa una settimana dopo tornai a cena e trovai Megan seduta sui gradini della veranda, il mento appoggiato sulle ginocchia.
    Mi salutò, come al solito, senza tante cerimonie.
    --

    Ecco lo stesso pezzo nella versione americana, si trova in mezzo al capitolo 4, o 5:

    --
    "Ha qualche idea?" Lo osservai con curiosità.
    Scosse la testa, ma il suo sguardo era assente.
    "No, proprio nessuna" rispose. "Ma questa storia non mi piace Burton, Finirà per provocare dei danni."

    Quando tornai a casa trovai Megan seduta sui gradini della veranda, il mento appoggiato sulle ginocchia.
    Mi salutò, come al solito, senza tante cerimonie.
    --

    RispondiElimina
  7. Non sapevo davvero di questo pasticcio anglo- americano sul terrore viene per posta,ulteriore informazione che arricchiesce il post.COmunque a quanto sembra i romanzi più "maltrattati" sono stati ritradotti, e questa è una buona cosa.

    RispondiElimina
  8. Ti confermo che anche la nuova edizione di "Nella fine e il mio principio" è stata abbastanza modificata (dalla stessa traduttrice di quella vecchia, presumo).

    RispondiElimina
  9. Modificata in qualche dialogo come "Un delitto avrà luogo" ( e in quel caso non mi interessa) oppure sono state integrate parti mancanti,cosa che renderebbe l'acuisto del nuovo volume obbligatorio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima che hai detto (ma dovrei controllare attentamente).

      Elimina