lunedì 27 ottobre 2014

TUTTI I FILM DI ALFRED HITCHCOCK, OVVERO CRONISTORIA DI UNA MAGNIFICA OSSESSIONE.


Erano le feste natalizie del 1995, frequentavo la terza media e al tempo ero sempre malato causa tonsille balorde. Una sera, come sempre febbricitante, ero nel lettone della camera dei miei genitori, unica altra stanza oltre al salotto ad avere un televisore. Mentre faccio zapping, mi imbatto in un film appena iniziato, con titoli di testa animati e una musica ammaliante, e per due ore e passa non riuscii nemmeno a distogliere lo sguardo dallo schermo, completamente ammaliato da quando stavo vedendo; il film era “La donna che visse due volte”, e quella sera io scoprii il cinema, mandai alle ortiche i vari Rambo e Terminator e per me i film di Hitchcock diventarono una vera e propria ossessione; ogni giorno guardavo il televideo per vedere se davano qualche suo film per poi registrarlo, e quando l’anno dopo la DeAgostini editò la mitica collana di VHS azzurre risparmiavo anche di comprare la colazione a scuola pur di racimolare le ventimila lire necessarie (ai tempi una discreta cifra) per l’acquisto.

Altri tempi, certo, ora i film si vedono sui bluray  in alta definizione se non direttamente su Youtube, ma quanto era bello e quanta soddisfazione dava quel pionierismo dell’home video! Ora è meglio, certo, ma è perfino troppo facile, una volta questi film bisognava sudarseli in ogni senso, e alcuni raggiunsero per me un’aura di leggenda ancora prima di averli visionati.

Devo dire che ho visto e rivisto tutta la filmografia Hitchcockiana, anche i film più rari e malriusciti, e ora che finalmente è passato il manicheismo di un tempo posso ora valutarli in piena coscienza, e questo vuole dire anche dare qualche giudizio controcorrente, perché non sono uno di quei cinefili che osanna a priori, anzi detesto chi lo fa. In ogni caso continuo ad amarli sempre e comunque, e Hitchcock rimarrà sempre, come per molti altri, il regista che preferisco in assoluto.

Come per il post su Agatha Christie, recensirò ogni opera in ordine cronologica e dando da una a cinque “stellette” di valutazione; non si racconteranno dettagliatamente trame o intreccio o altre informazioni che potete trovare su altri siti ben più completi, solo giudizi estemporanei senza pretese. Naturalmente tengo a ribadire che sono un semplice appassionato e i miei pareri sono da prendere con le molle e anche da contestare, si spera sempre garbatamente.

PS se in alcuni casi dopo gli asterischi notate un più, sarebbe a significare una maggiorazione del voto, una specie di mezzo punto in più; ad esempio, ***+ significa tre stellette e mezzo.

 

GLI ANNI VENTI; IL MUTO E LA FAME
 

 

Il giovane Hitchcock, dopo una breve gavetta sotto l'egida di Graham Cutts, si rivela subito un enfant prodige, e a soli 25 anni gli viene affidato un film tutto per lui; ma il cinema Inglese dell'epoca era ancora molto pionieristico, si credeva poco nel mezzo, i budget erano limitati, i soggetti scelti a caso e gli attori non propriamente dei grandi professionisti; infatti non c'è da stupirsi se molti film britannici dell'epoca sono andati perduti. Ma comunque i film di Hitchcock scampano quasi tutti all'ecatombe, tranne uno, "The mountain eagle" del 1926, un melodrammone tra i pastori del Kentucky che a detta dello stesso regista è un qualcosa di meraviglioso...che non  esista più.

 

1- IL LABIRINTO DELLA PASSIONE **

Beh, non è il caso di essere severi con il primissimo film del futuro maestro, un melodramma decisamente sciocco e inverosimile ma con alcune sequenze abbastanza suggestive. In ogni caso, molto meglio del film è il racconto (di Hitch stesso) delle incredibili traversie a cui andarono incontro il regista e l'allora assistente e poi futura moglie Alma Reville durante la realizzazione della pellicola; un racconto avventuroso e picaresco che è uno dei momenti migliori del fondamentale libro intervista con Truffaut.

 

2 - IL PENSIONANTE ****

 

Il fatto che quello che è nettamente il miglior film muto di Hitchcock sia anche un thriller sarà anche casuale, ma credo che invece il regista avesse ben chiare le sue idee su quale genere dare il suo meglio, al contrario dei produttori Britannici che gli commissioneranno di nuovo un poliziesco solo all'avvento del sonoro.

Tratto da un bel romanzo di Marie Belloc Lowndes, una variazione sulla figura di Jack lo squartatore, per una resa impeccabile a livello di suspense e una bella rappresentazione di una Londra a un tempo inquietante e saporitamente popolare. Da vedere esclusivamente in versione integrale restaurata, anche su youtube.

 

3- IL DECLINO /DOWNHILL **

Siccome a Hitchcock il thriller è riuscito troppo bene, meglio farlo tornare sulla terra con questo insulso melodramma dove un Ivor Novello ultratrentenne interpreta un poco credibile giovane studente di Oxford espulso dalla facoltà dopo una falsa accusa infamante; nella sua discesa agli inferi, il giovane conoscerà tutti i luoghi e le persone più sordide e malfamate, poi tutto si riaggiusterà e il riscatto sarà completo. Vi sembra un polpettone insulso e noioso? si, lo è.

 

4- VINCI PER ME! / THE RING ***

 

Altra storia di ascesa e caduta, stavolta ambientata nel mondo del pugilato dove un campione locale incontra un asso della Boxe che gli porta via credibilità sul ring e anche la donna che ama; il cornuto e mazziato (in tutti i sensi) saprà riconquistare tutto ciò che aveva perduto, ma non sarà facile. Certo, la storia è un altro dramma abbastanza scontato, ma stavolta la confezione è decisamente migliore; bravissimi attori, belle sequenze quasi documentaristiche sulle fiere di campagna dell'epoca, sceneggiatura brillante e quasi mai noiosa. Un film fatto con molto amore, e al quale il regista teneva giustamente molto.

 

5- LA MOGLIE DEL FATTORE **

Questa commedia degli equivoci a sfondo rosa, tratta da una piece teatrale di Eden Phillpotts, un giallista che amo molto, risulta interminabile e datatissima, e si lascia guardare solo per alcuni scorci agresti e la brava Lillien Hall Davies, talentuosa attrice scomparsa tragicamente poco dopo le riprese. Se volete affrontare la pellicola forza e coraggio, ci vuole tanta pazienza.

 

6- VIRTU' FACILE **+

Film decisamente odiato dal regista, a me sinceramente è piaciuto abbastanza; è il solito drammone su una donna che non riesce a diventare rispettabile dopo aver "peccato" in gioventù, ma il prodotto è ben curato e risulta ancora vedibile. Brava la protagonista Isabel Jeans, e gustosa la sequenza con la centralinista Benita Hume che ascolta trepidante la dichiarazione d'amore telefonica di due innamorati, parteggiando decisamente per il lieto fine. Inaspettatamente potabile.

 

7- CHAMPAGNE / TABARIN DI LUSSO  *+

Commedia più farsesca e disimpegnata che oggi diverte ben poco, nonostante gli attori ce la mettano tutta. Per cultori duri e puri del regista.

 

8-L’ISOLA DEL PECCATO  ***+

 

La storia, ambientata nella realtà dell’isola di Man (con scorci realistici che anticipano “L’uomo di Aran” di Flaherty)  è un melodramma a tinte forti oggi datato anche se per l’epoca piuttosto forte, ma il fascino che il film emana ancora oggi sta nelle splendide sequenze in esterni, nella bravura degli interpreti e nel fascino della stupenda Anny Ondra, prima vera “bionda Hitchcockiana”, esplosivo mix di sensualità aggressiva e raffinatezza che trent’anni dopo il regista ritroverà solo in Kim Novak. Un film che ho sempre amato, secondo me da recuperare.

 

9-BLACKMAIL – RICATTO ***

Pellicola considerata importantissima nell’initerario artistico del maestro in quanto, oltre a essere il suo primo film sonoro, è anche un ritorno al thriller (con una sciocca ragazza (ancora Anny Ondra) che uccide un pittore apparentemente innocuo che in realtà si rivela uno stupratore e poi viene ricattata da un lestofante che ha visto tutto) è in realtà un film sopravvalutato, più importante che bello; questo perché fu rovinato dall’improvvisa mania per il sonoro, che costrinse la produzione a rielaborare un film pensato in origine come muto; e se fosse stato lasciato tale sarebbe risultato forse un capolavoro, perché alcune sequenze, su tutte quella della ragazza che ritorna a casa all’alba dopo il delitto attraversando una fosca Londra semideserta ( e naturalmente l’inseguimento finale al british museum), sono bellissime; ma i dialoghi sono terribili, statici, interminabili e soprattutto raffazzonati.

 

GLI ANNI TRENTA; SI TOCCA IL FONDO E SI RISALE FINO ALLE STELLE, COI PRIMI CAPOLAVORI ASSOLUTI.
 
 
 

 Dopo il buon Blackmail, altro thriller riuscito, i miopi produttori ricominciano a propinare al regista tutto anzichè il genere che predilige, ecco quindi polpettoni, drammoni pomposi, e perfino un film su Strauss; a questo punto il regista o mollava o si imponeva, e per fortuna il talento ha avuto la meglio sulla mediocrità.

 

10 - GIUNONE E IL PAVONE *

 

Interminabile, datatissima tragicommedia di chiara derivazione teatrale (molto prima del Delitto perfetto il regista girò un film tutto in interni) dove si parla di una disgraziata famiglia Irlandese, disgregata per colpa delle lotte contro la corona Inglese e del capofamiglia, il "Pavone" del titolo, un rozzo ubriacone che passa il tempo al pub a ubriacarsi e sparare fanfaronate, sopportato con infinita pazienza dalla figlia e dalla moglie Juno (ovvero Giunone..) che alla fine lo lascerà al suo destino. Forse di stretta attualità all'epoca, decisamente improponibile al giorno d'oggi.

 

11- FIAMMA D'AMORE *

Ma si poteva fare ben di peggio del film precedente, ovvero un drammone noioso e pomposo senza nemmeno il pizzico di umorismo che "Juno and the peacock" aveva: Siamo nell'Inghilterra rurale dove due famiglie, una di aristrocratici e una di parvenu, cercano di distruggersi a vicenda. Molto più appassionante fissare l'oblò della lavatrice in funzione. A difesa del regista, va detto che odiava questi film e li girava davvero controvoglia, per ragioni puramente alimentari.

 

12 - OMICIDIO! /MURDER **+

 

Si torna finalmente al giallo, stavolta, un Whodunit classico, e anche se non si torna a livelli eccelsi la qualità migliora sensibilmente. La storia sarebbe interessante, ma tutto risulta veramente troppo verboso e troppo pomposo per coinvolgere. Restano alcune ottime sequenze che rendono al meglio la Londra popolana, e solo per queste il film vale ancora una visione, anche perchè l'elemento poliziesco è reso fumoso  dal fatto che si voglia sorvolare sulla palese omosessualità di uno degli indagati; agli ingenui spettatori dell'epoca viene detto che era un "mezzosangue" (!) e quindi il personaggio e le sue azioni diventano chiaramente incomprensibili. Un'occasione sprecata.

N.D.R. di questo film è disponibile su youtube anche la versione per il mercato Tedeco, intitolata "Mary", in tutto e per tutto uguale all'originale anche se Alfred Abel è un protagonista ben più legnoso e indisponente di Herbert Marshall.

 

13 - RICCO E STRANO ***

Questa commedia dolceamara, a tratti datata e troppo bizzarra per coinvolgere lo spettatore odierno, è comunque un film importante per capire il pensiero del regista sui rapporti di coppia; in pratica di narra di due giovani sposini (Hitchcock e Alma?) che ricevono un'inaspettata eredità e decidono di godersela facendo un tour intorno al mondo, andando incontro a varie disavventure e tradimenti reciproci, per poi tornare alla monotona vita di sempre. Quasi un ideale dell'ostrica Verghiano applicato al menage coniugale (guai a desiderare di più di ciò che si ha...) che pur con un registro brillante riesce a far riflettere molto. Come detto un film datato, ma anche molto intelligente, a cui l'autore teneva comprensibilmente molto.

 

14 - NUMERO DICIASSETTE **+

 

Ovvero, uno dei film più assurdi e strampalati che mi sia capitato di vedere (che d'altra parte risulta tratto da un lavoro dell'adorabile ma sgangherato Jefferson Farjeon) completamente senza capo ne coda e quasi incomprensibile nello svolgimento, ma che nonostante tutto non riesco a odiare, in quanto è divertente e sorprendente nei suoi continui cambi di registro. Strepitoso il finale, con un inseguimento su camion e navi che palesemente sono modellini animati, ma che in realtà risultano di grande effetto. Molto simpatico.

 

15 - VIENNA DI STRAUSS  *+

Film, peraltro mai distribuito in Italia, passato alla storia per essere il  film più odiato dal regista stesso, ma sinceramente non è davvero il suo peggiore; la storia è melensa e lontanissima dalle tematiche Hitchcockiane, completamente a disagio (e sempre lo sarà) coi film in costume, ma la confezione è gradevole e gli attori simpatici, anche se avendone vista una versione in lingua originale senza sottotitoli non posso giudicare il film in ogni suo aspetto.

 

16 - L'UOMO CHE SAPEVA TROPPO ***

E finalmente arriva la risalita. FInalmente si capisce che per ottenere il massimo da Hitchcock è bene affidargli soggetti è sfondo spionistico o poliziesco, e con questo film inaugura un filotto vincente di film di spionaggio, genere purtroppo all'epoca attualissimo visto il presagio della guerra sempre più incombente.

Di questi film, questo "The man who knew too much" è il meno bello, ma è comunque molto interessante perchè vi si trova in nuce tutti gli elementi che renderanno unico e inimitabile il cinema del  maestro; innocenti braccati che cercano i colpevoli per salvare se stessi o i loro cari, doppiogiochisti, cattivi "simpatici" e soprattutto tanta suspense. Di questo film, tutto sommato datato e a tratti noiosetto, resta memorabile la parte Londinese, con la visita alla cappella della setta dei "figli del sole" che si rivela essere poi il covo delle spie, e la bella sparatoria finale.

 

17 - IL CLUB DEI TRENTANOVE *****

 

Ed eccoci finalmente al primo grande capolavoro firmato dal maestro. Un capolavoro che quasi ottant'anni dopo non ha perso un filo di smalto, sempre godibilissimo e a tratti irresistibile. Stavolta l'uomo ingiustamente accusato travolto dagli eventi (il fantastico Robert Donat), il Canadese in trasferta a Londra Richard Hannay, deve guardarsi dalle spie nemiche e dalla stessa polizia, e oltre a fuggire deve anche cercare di risolvere il mistero dei "39 scalini".

 Ma in tutto questo c'è spazio per commoventi sequenze agresti (la dolce moglie sottomessa di un rozzo contadino scozzese che aiuta il protagonista ribellandosi alla tirannia del marito) e per un divertentissimo corteggiamento con un'eroina improvvisata che sulle prime vorrebbe consegnare Hannay alla polizia e poi finisce per diventare sua  complice. Assolutamente imperdibile, un must, per chi scrive il secondo film più bello del regista dopo Vertigo.

 

18 - AMORE E MISTERO / L'AGENTE SEGRETO ***

 

Dopo il capolavoro, si torna sulla terra con un film di spionaggio non memorabile tratto da dei racconti di Somerset Maugham, che anche se ben girato (belle le sequenze svizzere) e ben interpretato non risulta molto coinvolgente. Anche l'umorismo è troppo nero per risultare apprezzabile, infatti il brio e la brillantezza del club dei 39 è assente, dominano anzi i foschi presagi di una guerra ormai quasi inevitabile.

 

19 - SABOTAGGIO *****

Film generalmente sottovalutato, per me una vera bomba; liberamente tratto dal romanzo di Conrad "The secret agent",  sarebbe una spy- story, ma in questo caso l'intreccio rimane decisamente sullo sfondo, e domina altresì la rappresentazione della vita quotidiana dell'ignara moglie di una pericolosa spia (la strepitosa Sylvia Sydney), che assieme al marito gestisce un piccolo cinema nell'east end Londinese; e il film è soprattutto uno spaccato di vita di inestimabile valore della vita nella Londra del tempo; mercati all'aperto, fruttivendoli, ambulanti di strada, portinaie, tram, edicole, ristoranti, una vera rappresentazione di un mondo perduto. E il finale, tragico e senza consolazione alcuna, lascia l'amaro in bocca come quasi mai nei film del regista. Un vero capolavoro da amare dalla prima all'ultima sequenza.

 

20 - GIOVANE E INNOCENTE *****

Dopo i toni da tragedia greca di Sabotage, Hitchcock cambia completamente registro regalandoci un film solare, arioso e divertentissimo. Tratto da un romanzo di Josephine Tey con la consueta libertà ed eleganza dal grandissimo sceneggiatore Charles Bennett, tratta del solito innocente al tempo stesso cacciatore e preda, che oltre alla libertà troverà anche il grande amore con la  giovanissima, incantevole Nova Pilbeam, un raggio di sole che svanì purtroppo quasi subito lasciando il cinema dopo il matrimonio, spezzando i sogni del regista che avrebbe voluto farne una grande star; il ruolo della seconda signora de Winter in "Rebecca" sarebbe dovuto toccare a lei, e anche se Joan Fontaine non la fece certo rimpiangere, la Pilbeam sarebbe stata perfetta per la parte.

 

21 - LA SIGNORA SCOMPARE *****

 

Ancora cinque stelle? beh, non è colpa mia se il regista in questo periodo faceva un capolavoro dietro l'altro! E questo adorabile film di spionaggio interamente ambientato in un treno (tratto da un romanzo della grande Ethel Lina White) è quanto di più brillante, leggero e irresistibile si possa vedere su uno schermo. La storia è esile e un poco assurda, ma quante trovate me-ra-vi-glio-se! un capolavoro da vedere e rivedere, la grazia fatta cinema. Interpreti tutti favolosi, soprattutto il grande Michael Redgrave, purtroppo alla sua unica collaborazione col regista.

 

22- LA TAVERNA DELLA GIAMAICA **

 

Hollywood chiamò, e il regista rispose; ma prima c'era da girare ancora un film nella madrepatria, e il maestro lo realizzò controvoglia, anche perchè il soggetto(tratto da un bel romanzo di Daphne du Maurier), una storia di pirati nella Cornovalgia dell'ottocento, non era molto nelle corde del regista.

Visivamente il film è piuttosto buono e alcune inquadrature una festa per gli occhi, ma sceneggiatura e interpreti non convincono, soprattutto Charles Laughton che gigioneggia in modo insopportabile dall'inizio alla fine, infastidendo per primo lo stesso Hitchcock.

Un addio (anzi un arrivederci, visto che il regista vi tornerà a girare "Frenzy" nel 1972) abbastanza sottotono alla vecchia Inghilterra, ma ormai è tempo di voltare pagina.

 

GLI ANNI QUARANTA; HOLLYWOOD, I DIVI, LA PROPAGANDA, GRANDI CAPOLAVORI E TONFI SOLENNI.

 

 
 


Nel 1940 arrivò per gli Hitchcock  la chiamata a Hollywood dal più grande tycoon dell’epoca, David O. Selznick; ecco quindi i grandi mezzi e le grandi star. Da vero Inglese, Hithcock comunque non si scompone e inizia a fare cinema negli States con la stessa grazia e la stessa leggerezza con cui lo faceva in Inghilterra, e regalandoci dal 1941 al 1946, grazie soprattutto all’abbondanza di meravigliosi attori, il suo filotto di film più entusiasmante assieme a quello di fine anni cinquanta.

 

23 -REBECCA, LA PRIMA MOGLIE *****

Premessa; questo è uno dei rari casi in cui il romanzo all’origine del film è bello quanto, se non più della trasposizione; questo perchè Daphne du Maurier non era un’onesta artigiana della penna come la maggioranza degli autori da cui Hitch trassse i suoi film, ma era invece una grandissima artista, della quale nessuno, almeno in Italia, ha minimamente riconosciuto la grandezza.

In ogni caso, amo il film come amo il libro; una fotografia splendida, grande attenzione al decor, una meravigliosa e inquietante atmosfera gotica, una Joan Fontaine assolutamente perfetta (mentre Laurence Olivier risulta invece abbastanza sottotono), grandissimi caratteristi che formano un cast da urlo, insomma, il produttore Selznick ricoprì il regista d’oro, e quest’oro che era mancato in Inghilterra fu fatto fruttare al meglio dal maestro, a suo agio nelle piccole produzioni semi-artigianali come nel più grande sfarzo Hollywoodiano; questo si chiama talento puro.

 

24 -IL PRIGIONIERO DI AMSTERDAM, O CORRISPONDENTE N. 17 ****+

 Dopo il viaggio fiabesco e fuori dal tempo di Rebecca, si piomba della più drammatica attualità; gli eventi legati al secondo conflitto mondiale riportano il mondo decisamente coi piedi per terra, e anche il cinema dovette attrezzarsi per finanziare film di propaganda, ma ciò venne fatto in modo intelligente, ossia senza rinunciare a divertire ed emozionare; e allora ecco questo splendido film di spionaggio e d’avventura ambientato tra Olanda e Inghilterra, movimentato, divertente e altamente drammatico (la tortura al vecchio Van Meer è una delle sequenze più scioccanti mai girate dal maestro), che come detto informa e intrattiene. Francois Truffaut, nel definirlo un film di serie B (forse perché non ci sono grandi star? Mah..) commise un peccato mortale.

IMPORTANTE; da vedere solo nella versione integrale di 118 minuti disponibile in DVD, visto che fino a qualche anno fa il film girava ancora in versione tagliatissima e censurata.

 

25 -IL SIGNORE E LA SIGNORA SMITH **+

Una commedia sentimentale, un film di puro cazzeggio che oggi ha perso molto del suo mordente (tratta di due sposi che scoprono di non essere realmente marito e moglie per un cavillo legale, e finiscono per chiedersi se non sia meglio sfruttare questo errore burocratico per lasciarsi davvero) ma risulta comunque simpatico se gli si concede un’occasione, fosse altro che per ammirare la splendida Carole Lombard al massimo del suo fulgore prima della tragica scomparsa.

 

26 -IL SOSPETTO *****

Rieccoci alla quieta e verde Inghilterra di prima del conflitto (anche se si gira a Hollywood) , riecco le star, ovvero Cary Grant e l’ancora meravigliosa Joan Fontaine, e soprattutto ecco quello che risulterà uno dei suoi film migliori in assoluto, per chi scrive da top-five.

Tratto da un romanzo del genio Anthony Berkeley, Hitchcock piega al suo stile e alla sua poetica una storia di amore maledetto, ossia quella di una donna giovane, buona e ingenua che accecata dalla passione si accorge di aver sposato un vero delinquente, falsario, truffatore e forse anche assassino, seppur  sia un uomo amabile e irresistibile in casa e tra le lenzuola.  Tensione sottopelle poi sempre più alle stelle, sequenze pazzesche come quella del bicchiere di latte (forse avvelenato, o forse no) illuminato per farlo risaltare nell’oscurità, amabili scorci e personaggi…tutto funziona al meglio, e questo film rimane nella mente e nel cuore.

Come molti sanno, il finale del film differisce da quello del libro, ma Hitchcock secondo me fu come sempre uno psicologo infallibile; nessuno avrebbe mai creduto a un Cary Grant cattivo fino in fondo.

 

27 -SABOTATORI ****

Non è proprio più tempo di film che ignorino il conflitto, per cui si ritorna alla formula sperimentata con grande successo nel Prigioniero di Amsterdam; un uomo in lotta contro il tempo che da la caccia alle spie filonaziste (stavolta negli States), inseguimenti movimentati e appassionanti, il trionfo finale dei buoni; ma tutto è diretto con brio e classe, e scenette come quella,commovente, nel carrozzone dei Freaks (scritta da Dorothy Parker) restano decisamente impresse. Interpreti poco noti ma spigliati e brillanti, per un film gradevolissimo e senza un minuto di stanca.

 

28 -L’OMBRA DEL DUBBIO *****

 Altro capolavoro assoluto, anche se ambientato in una quieta cittadina della California che tanto ricorda i villaggi Inglesi questo è per me un altro film di propaganda; nella storia del misterioso e seducente Zio Charlie che torna dopo anni a far visita alla sorella e del suo rapporto con la nipotina che porta lo stesso nome dello zio(la splendida Teresa Wright) che nutre per lui un amore che va ben oltre quello per un parente, ho sempre visto un’allegoria del Tedesco che arriva a sconvolgere la quieta e industriosa esistenza degli anglosassoni;  e come molti Nazisti dell’epoca Zio Charlie è un uomo seducente (perfettamente incarnato dall’attore feticcio Wellesiano Joseph Cotten), colto, intelligentissimo nel suo perpetrare il male. Alla fine le cose torneranno a posto, ma il prezzo da pagare sarà alto per tutti, soprattutto per la povera Charlie, che finisce per soffocare la sua passione insana e rientrare nei ranghi legandosi, credo senza troppa convinzione, a un giovane e onesto ragazzo americano come tanti.

Insomma, materiale incandescente gestito al meglio da un Hitchcock in stato di grazia assoluta.

Avvertenza; guardatevi il film solo inversione originale sottotitolata, visto che il doppiaggio che ancora circola è un qualcosa di inascoltabile.

 

29 -I PRIGIONIERI DELL’OCEANO ***+

 Altro film di piena propaganda, ma nonostante tutto profondamente Hitchcockiano; questa storia di naufraghi alla deriva ambientata in mare aperto e tutta ambientata in una scialuppa di salvataggio è per contrappeso quanto di più claustrofobico il regista abbia mai girato; in pratica alcuni civili si trovano alla mercè di un ufficiale Tedesco, che non si capisce bene se voglia salvarli (oltre a salvare se stesso) o portarli verso la morte certa; un buon punto di partenza per sequenze di vera suspense. Alla fine il messaggio è chiaro, alleati state tutti uniti e cercate di essere razionali, ma picchiate duro quando serve, e senza esitare.

 
30 -IO TI SALVERO’  ** 

  Uno dei primi esempi di “Hitchcock malato” ovvero quando un film avrebbe tutte le premesse per essere memorabile ma qualcosa discorda fino a compromettere il tutto. In questo caso, in questa storia di amore e psichiatria a stonare è una sceneggiatura macchinosa e un Gregory Peck che con Hitchcock non ha mai funzionato nemmeno per sbaglio; serioso e ingessato, tutto il contrario del tipico protagonista dei film del maestro. La Bergman invece è una vera meraviglia, un raggio di sole che illumina lo schermo.

 

31 -NOTORIOUS *****

 Dopo il mezzo passo falso di Io ti salverò, Hitchcock ritorna ai massimi livelli, con un capolavoro che è anche uno dei suoi titoli giustamente più famosi.

La trama in fin dei conti è una Spy-story un poco feuilletonistica, ma sinceramente mai come in questo caso l’intreccio conta zero, qui siamo nei territori magici del cinema puro, con Cary Grant e la Bergman che formano una coppia strepitosa e ad alto tasso erotico (la sequenza del lungo bacio è quanto di più sensuale si possa vedere su uno schermo) con delle inquadrature vertiginose che strabiliano, una fotografia pazzesca che riesce a rendere Rio de Janeiro un luogo cupo e opprimente, dei caratteristi di prima grandezza che rendono epica e memorabile ogni sequenza; tutto funziona, tutto è perfetto, soprattutto grazie all’incredibile talento di sua maestà Hitchcock.

 

32 -IL CASO PARADINE **

 Era destino che un film memorabile come Notorious dovesse restare ineguagliato per molti anni, e infatti dal 1947 fino al 1954 il regista conoscerà, vent’anni esatti dopo la prima, una seconda crisi artistica, con lavori perlopiù dimenticabili, il cui emblema è proprio questo fiacco, melenso Caso paradine.

Tratto da un bel romanzo di Robert Hichens, è un film sceneggiato senza brio da troppe mani ( ci misero le mani in troppi, dalla moglie del regista a Selznick stesso)  fiacco e moscio, con un Gregory Peck se si vuole ancora più anodino che in Io ti salverò e una Alida Valli bellissima ma del tutto inadatta a interpretare una sorta di misto tra una dark ladies del noir classico e una Lady Chatterley .

Charles Laughton e Ethel Barrymore portano un poco di pepe in una pietanza che però rimane scipita, anche se non indigesta come in altre occasioni.

 

33-NODO ALLA GOLA ***

Film strano, una specie di scommessa (parzialmente vinta) di girare un film in un  unico piano – sequenza, come se quello che si vede accadesse in diretta, a teatro.

La storia, anch’essa assai atipica, parla di due studenti omosessuali che uccidono un amico per puro divertimento e ne occultano il cadavere in una cassapanca, e subito dopo apparecchiano su di essa un buffet ai quali partecipano amici e parenti del morto. Una situazione potenzialmente esplosiva, ma i tempi morti sono troppi per tenere desta l’attenzione fino in fondo, e la suspense finisce per scemare pian piano, nonostante un finale di tutto rispetto.

 

34 -IL PECCATO DI LADY CONSIDINE *+

Ovvero, come prendere un soggetto totalmente inadatto a Hitchcock e fare in modo che lo diriga; risultati disastrosi garantiti, come proporre una commedia brillante a Robert Bresson e un dramma da camera a John Landis. Questo polpettone in costume riesce a essere in un solo colpo freddo, noioso e recitato in modo totalmente anonimo da due interpreti di prim’ordine quali la Bergman e Cotten. Si salva qualche sequenza con la mefistofelica governante Milly, signora Danvers in trasferta, ma il resto della pellicola è da buttare. Mai distribuito in Italia fino a 3 anni fa, e meno male, almeno lo conoscono in pochi.

 

GLI ANNI CINQUANTA; LA MATURITA’, LA PERFEZIONE, I CAPOLAVORI ASSOLUTI.

 

Sinceramente i primi anni di quello che sarà il decennio d’oro del regista, quello che lo renderà da grande a immortale, non facevano presagire tale fortuna; si ricomincia da dove era finito il decennio precedente, ovvero con alcune pellicole non all’altezza del maestro; ma niente paura, dal 1954 in poi fioccheranno capolavori come se piovesse.

 

35 -PAURA IN PALCOSCENICO **

Cioè, non un brutto film, ma un qualcosa di assolutamente inutile nell’initerario artistico del maestro, un poliziesco come tanti che avrebbero potuto dirigere mille altri registi. Sprecata la grande Marlene Dietrich, abbastanza penosi gli altri interpreti. Da vedere senza aspettarsi niente.

 

36 -DELITTO PER DELITTO / L’ALTRO UOMO ***

Dopo le imbarcare precedenti, Hitchcock rialza la testa con questo buon suspense mutuato da un bel romanzo di Patricia Highsmith, “Sconosciuti in treno”. Sinceramente non sono un grande fan di questo film, che risalta nella filmografia del regista come unica opera valida di un periodo opaco, ma sinceramente gli interpreti sono abbastanza fastidiosi (Farley Granger, colui che ha rovinato un film come “Senso” di visconti, è la solita mummia inguardabile) la storia priva di umorismo e anche abbastanza assurda; comunque la suspense è gestita egregiamente, perlomeno Hitch si tolse di dosso la ruggine.

 

37 -IO CONFESSO **

Altro film che se non esistesse sarebbe più o meno lo stesso; interessante lo spunto  (un sacerdote che riceve la dichiarazione di colpevolezza di un assassino nell’inviolabilità del  segreto confessionale, ma che rischia di essere accusato lui stesso del crimine che la sua coscienza gli impedisce di denunciare)  ma svolgimento troppo lento e serioso, cronica mancanza di umorismo british (cosa a cui il regista pare aver rinunciato ormai dai tempi di sabotatori) e interpreti funzionali ma non memorabili. Pleonastico.

 

38 -IL DELITTO PERFETTO ***

Lo so che non è un grande film, ma per una qualche ragione inspiegabile lo adoravo da ragazzino; forse perché nella sua semplicità e nel suo presentare continue situazioni di suspense è un film di grande presa sul pubblico, seppure un poco scolastico e senza guizzi alcuni di regia. Girato esclusivamente in interni (altra sfida vinta dal maestro) presenta interpreti notevoli, tra cui un Ray Milland cattivo simpaticissimo che beve e fa battute con l’amante della moglie come se niente fosse (però mentre progetta di farla fuori) e la bellissima, iconica Grace Kelly al suo esordio con Hitch.

 

39 -LA FINESTRA SUL CORTILE ****

“Oddio!! Scandalo!! Ma come, non dare il massimo del massimo a un simile capolavoro? Ma stiamo scherzando o che?”

So che molti di voi lo avranno pensato, non lo negate;  tranquilli che non c’è niente di male e posso capirvi, solo che a me questo film comunque meraviglioso, dai mille spunti ed emblematico quando si parla del  maestro è sempre sembrato un filo troppo lento, troppo dialogato, troppo inutilmente “filosofico”, tutte cose che alla fine vanno a discapito della pura suspense, che si palesa veramente solo nell’ultima mezz’ora. E poi non mi è mai riuscito fraternizzare del tutto col protagonista, non ho proprio l’animo del guardone e al suo posto mi sarei letto un bel libro; alla fine fa bene l’assassino a rompergli anche l’altra gamba. Per il resto, film indispensabile per ognuno che voglia approfondire le tematiche Hitchcockiane, ma personalmente preferisco molti altri titoli a questo.

 

40 -CACCIA AL LADRO **+

Si, è sempre un piacere vedere della bella gente ben vestita e raffinata, ma che la debba sopportare per un film intero, anche se tra loro c’è la sensualissima Grace Kelly, mi pare un po’ troppo.

Una storiellina fragile e leggerina con un Cary Grant leggermente troppo vecchio per fare il ladro gentiluomo atletico e sprezzante, si ritorna comunque a un sano umorismo di stampo britannico, che rende la pellicola gradevole, anche se stucchevole alla lunga.

 

41 -LA CONGIURA DEGLI INNOCENTI **+

Dal glamour sfrenato della Costa azzurra al Vermont rurale il passo non è affatto breve, e si vede; in questa tragicommedia degli equivoci nell’estrema periferia degli States troviamo una serie di campagnoli che credono tutti di aver ucciso per sbaglio una persona trovata morta. Splendide immagini della campagna autunnale e interpreti simpatici (esordio per Shirley MacLaine) non bastano a suscitare interesse per tutta la durata della pellicola. In ogni caso un film coraggioso e inaspettato per il periodo.

 

42 -L’ UOMO CHE SAPEVA TROPPO (1956) ***

Come sapete, non sono un grande fan nemmeno del film del 1934, per cui era meglio se Hitchcock, se proprio voleva ripetersi, sceglieva un altro dei suoi film del periodo. Spostando l’azione dalla Svizzera al Marocco e con un interprete di prim’ordine come Jimmy Stewart (Doris Day invece è insopportabile, per tutto il film si occupa in pratica solo di lanciare la canzone “que serà serà” canticchiandola di continuo) Hitchcock pensa di far vedere al giovane se stesso quanto è più bravo nel 1956 rispetto che ventidue anni prima, ma sinceramente non è molto convincente, e alla fine le due opere si equivalgono, anzi io apprezzo di più il primo film, che almeno dura la metà.

 

43 -IL LADRO ***** 

 Ovvero il film che dall’Hitchcock di questo periodo non ti aspetteresti mai. Ma, come per molte cose inopinate, la riuscita è semplicemente grandiosa. Se la svolta verso il realismo del regista sarà riconosciuta appieno solo dopo Psycho, è in questo misconosciuto capolavoro che essa avviene; infatti il tema dell’uomo ingiustamente accusato, un mite musicista di nome Emmanuel Balestrero (interpretato da un superlativo Henry Fonda), non è più il pretesto per scanzonati inseguimenti ma diventa un incubo che non si dissolve nemmeno nel finale; infatti il protagonista, completamente innocente, finirà dritto in carcere perché scambiato per un ladro, e subirà passivamente interrogatori e false accuse per mesi, mentre i parenti dell’accusato si rovina per pagare gli avvocati e la moglie, incapace di reggere allo stress, scivola nella follia. Alla fine il vero colpevole viene catturato, ma per la famiglia Balestrero nulla sarà più come prima.

Uno dei capolavori assoluti del maestro,essenziale e spietato, assolutamente da recuperare.

 

44- LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE / VERTIGO *****

Beh, su questa meravigliosa storia di amore e morte c’è poco o nulla da dire che non siano i soliti, abusati superlativi. Film lento, avvolgente, denso di significati e sensi reconditi, acquista spessore ogni volta che lo si rivede, fosse anche la cinquantesima. Tutto funziona al meglio; regia, fotografia, musiche di un Bernard Herrmann ancora più ispirato del solito, gli interpreti (Kim Novak non è molto amata dagli Hitchcockiani, ma per me in questo doppio ruolo è semplicemente perfetta), i piani sequenza vertiginosi, la splendida e inquietante sequenza onirica…insomma, un capolavoro assoluto, per me il capodopera del maestro.

 

45- INTRIGO INTERNAZIONALE *****

 

E’ incredibile la versatilità di Hitchcock in questa sua incredibile, feconda maturità artistica; dopo un film profondo e meditato come Vertigo, il regista ci regalò un film divertente e adrenalinico, dove tutta la tematica dell’uomo ingiustamente accusato preda e cacciatore al tempo stesso trova una sua definitiva consacrazione e maturità. Infatti questo film, spy-story ancora classica (ma James Bond stava per esplodere con fragore sugli schermi) ma soprattutto una grande avventura, doveva per forza essere l’ultimo del regista su questo filone; troppo perfetto, troppo compiuto, toppo brillante, troppo ben sceneggiato e recitato, di meglio non si poteva fare.

 

GLI ANNI SESSANTA E SETTANTA; LA GRANDE SPERIMENTAZIONE, E POI IL DECLINO.

 

 E infatti, dopo un film maturo e definitivo come Intrigo internazionale e la vecchiaia che avanza (sessant’anni non sono molti, ma lo diventano vivendo come viveva Hitch), il mondo Hitchcockiano per come lo abbiamo sempre conosciuto non poteva che avviarsi sul viale del tramonto. D’altra parte, il decennio che ucciderà il grande cinema classico è ormai imminente e Hitchcock, che ancora ha molto da dire, si trasformerà in uno sperimentatore, prima con grandi risultati e poi con un repentino declino, che però non ne intatta la grandezza.
 


 

46- PSYCHO *****

Non voglio annoiarvi parlando di un film ormai talmente famoso da essere iconico, voglio solo ribadire quanto questo film , girato dal regista con un coraggio incredibile e mettendo di fatto, a sessant’anni suonati, in discussione tutta la sua carriera (le travagliate vicende personali legate al film si possono apprendere guardando il recente biopic con Anthony Hopkins, non eccelso ma comunque potabile), sia da considerarsi un vero e proprio film rivoluzionario, che ha cambiato il cinema per sempre; via i divi, via la grande bellezza delle immagini, ecco gli anni sessanta, ecco donne normali che lavorano e hanno amanti clandestini, ecco l’america provinciale e lievemente malinconica, ecco poveri malati di mente tra il pauroso e il patetico. Proprio Hitchcock, l’emblema del cinema classico sfarzoso e disimpegnato, gettò le basi del thriller moderno mandando definitivamente in pensione il mondo poetico da lui stesso creato. Dopo Psycho il cinema non è più stato lo stesso, punto e basta.

 

47- GLI UCCELLI ****

 

Come si è detto, dopo Psycho il regista era a un punto di non ritorno. Indietro non si può tornare, e allora si prosegue sulla strada della sperimentazione e del realismo; e questo film, che pure parte da una premessa puramente fantascientifica (da un bellissimo racconto di Daphne du Maurier a sua volta mutuato dal capolavoro di Arthur Machen “the  terror” ) diventa un ennesimo film di propaganda; in fondo gli uccelli che decidono di comune accordo di distruggere l’umanità intera potevano essere, in quegli anni drammatici, i Cubani coi loro ipotetici missili, i Russi o i Cinesi.

Devastante dal punto di vista visivo, peccato che il film abbia qualche momento di stanca e pecche vistose a livello interpretativo; il protagonista Rod Taylor è un piacione inguardabile, la Hedren è del tutto inverosimile nel suo essere spensieratamente chic e snob per tutta la prima parte della pellicola; i tempi delle Grace Kelly erano definitivamente tramontati, strano che il regista abbia voluto riproporre un personaggio di quel genere,una donna più simile a Janet Leigh in Psycho sarebbe stata secondo me un personaggio più azzeccato.

 

48- MARNIE ***

Un altro Hitchcock “malato”, un potenziale capolavoro deturpato da una sceneggiatura talvolta lenta e ridondante e da interpreti poco in sintonia (La mediocre Tippi Hedren e un acerbo Sean Connery  formano forse  la peggior coppia Hitchcockiana di sempre); peccato perché la storia di una schizofrenia generata da un terribile trauma infantile sarebbe anche stata interessante, ma a ben vedere era meglio se il regista chiudeva in bellezza dopo aver girato “The birds”, evitandoci i suoi ultimi lavori.

 

49- IL SIPARIO STRAPPATO **

 

Film di spionaggio al tempo della guerra fredda, una storia confusa e complicata senza un filo dell’umorismo che finora aveva alleggerito tutti i suoi precedenti film incentrati sull’attualità; Paul Newman con Hitch non si trovava nemmeno un poco, e tutto il film ne risente; qualche buona sequenza (su tutte l’uccisione di Gromeck) rimane, ma se ne può decisamente fare a meno.

 

50- TOPAZ *

Per rispetto al regista e alla sua opera mi rifiuto di commentare questo indigeribile polpettone spionistico, non voglio mancare di rispetto. Paragonabile in bruttezza e goffaggine al “Passeggero per Francoforte” della Christie, tra l’altro dello stesso periodo; ma cosa fu che fece cimentare due grandissimi con le Spy stories nuova maniera? Non era il loro terreno, incomprensibile anche solo il fatto che ci abbiano provato.

 

51 -FRENZY  ?

Il punto interrogativo che vedete non è un errore; non so proprio come valutare questo film, mi spiace. Se da una parte dovrei essere entusiasta per uno smagliante ritorno di forma del regista nella gestione della suspense e delle atmosfere, da un’altra trovo il film un totale disastro sia a livello interpretativo (mai visti attori così cani in un film Hitchcockiano) per l’ostentazione di seni e fondoschiena al vento prima impensabili nei film del maestro e soprattutto per lo sgradevole umorismo sboccato di alcuni dialoghi, che fanno rabbrividire se si pensa a quelli brillantissimi e in punta di penna de “La signora scompare” e “Il club dei 39” ; il cinema e il mondo cambiano in 35 anni, ma Hitchcock avrebbe fatto bene a rimanere fedele a se stesso fino alla fine.

Ingiudicabile.

 

52- COMPLOTTO DI FAMIGLIA **

Sinceramente non ho molta voglia di parlare di questo onesto filmetto senza pretese, con interpreti che ai tempi d’oro non avrebbero fatto nemmeno le comparse e un disgustoso decor anni settanta che sovrasta il tutto. Unica cosa da ricordare è l’ultima toccante inquadratura con una delle protagoniste che strizza l’occhio al pubblico, quasi un saluto del maestro a tutti coloro che lo hanno seguito e amato.

 

Bene, spero che vi siate divertiti leggendo questi miei sproloqui, come ripeto da non prendere alla lettera. E se anche solo uno di voi grazie a me scoprisse le perle (soprattutto quelle nascoste) nello scrigno di questo meraviglioso maestro del cinema, sarò veramente un uomo felice.

 

7 commenti:

  1. Ben fatto, grazie!

    A me è piaciuto anche il film biografico che hanno fatto recentemente: Hitch. Vi si descrive tra l'altro la lotta che AH ha dovuto sostenete e i rischi (economici) che ha dovuto correre per riuscire a realizzare Psycho. Per non parlare di tutti i trucchetti che ha messo in campo per creare curiosità l'uscita del film! E poi si vede quanta importanza aveva in quel periodo il lavoro di sua moglie. Davvero interessante, almeno per me che non sapevo gran che della vita del maestro.

    RispondiElimina
  2. Grazie a te!

    SI, Hitchcock è un biopic piuttosto interessante, anche se la scelta della carismatica Helen Mirren per interpretare Alma Reville non l'ho trovata azzeccata, e non credo proprio che la tranquilla signora Hitchcock si mettesse a flirtare con uno sceneggiatore....quindi credo molte cosette siano state inventate ad hoc, o gonfiate. In ogni caso è bella tutta la ricostruzione delle vicende che hanno portato a Psycho così come lo conosciamo.

    RispondiElimina
  3. Che bella questa carrellata che mi ha fatto ridiventare bambina, adolescente, ragazza ... considerata strana. Io ho un affetto particolare per 'L'uomo che sapeva troppo' versione Jimmy Stewart.

    RispondiElimina
  4. Grazie Niki! vedi, il probblema che ho avuto è quello di cercare di giudicare i film laqsciando perdere il più possibile la componente affettiva; ciononostante, per alcuni film come "Giovane e innocente" "Il sospetto" o "Il delitto perfetto" credo di aver esagerato per eccesso proprio in virtù del grande affetto che ho per essi; sono stati tra i primi che ho visto, forse in un momento particolarmente felice che mi evoca rimembranze Proustiane, ma è naturale essere legati a un titolo più che a un altro.

    RispondiElimina
  5. Ottima carrellata Omar. Molto divertente leggerle tutte!
    Non capisco però come non si possano considerare capolavori (e per me lo sono, altroché) Nodo alla gola e Il delitto perfetto. Non hai esagerato affatto per eccesso, secondo me ;)

    RispondiElimina
  6. Grazie Stefano per gli immeritati elogi al mio lavoro. Ci mancherebbe, i miei sono giudizi puramente soggettivi, ma credo che i due film da te citati siano da intendersi più come due esercizi di stile (seppur riusciti), delle scommesse sul come creare della suspense in interni e con pochi mezzi; tutto apprezzabile, ma per come la vedo io mancano di completezza, di varietà stilistica, di ciò che rende un film memorabile. In ogni caso Il delito perfetto è un film giudicato minore da molti dei critici più eminenti, e anche se non lo ritengo tra i capolavori del regista non è nemmeno un film minore, anzi.

    RispondiElimina
  7. Bellissima analisi che condivid nei (pochi) che ho letto.
    Avrei dato qualcosa di piu' a Marine e Frenzy per comunque la "potabilità" di filmetto veloce da vedersi senza aspettarsi un Vertigo, il migliore anche per me e ritenuto il piu' bel film di tutti i tempi nella recente votazione ( ha battuto Quarto potere che deteneva da anni la palma).

    RispondiElimina