venerdì 10 maggio 2013

ORRORE,DI URSULA CURTISS


Cara vecchia Ursula Curtiss. Inizio così,con questa frase che mi viene direttamente dal cuore,l'elogio di una delle migliori scrittrici di suspense americane,anzi la quintessenza del suspense puro al femminile. Certo non si può paragonare a Woolrich o alla Millar o ad altri maestri della tensione,ma la Curtiss ha un tocco femminile tutto suo che la rende a su modo unica. Rampolla di una genia di gialliste affermate,meno prolissa e zuccherosa della madre Helen Reilly e meno superficiale della sorella Mary MacMullen, la Curtiss si distingue per una scrittura secca e  senza fronzoli,molto americana in tal senso;nelle sue storie si narra l'essenziale,gli orpelli sono inesistenti,e proprio per questo le sue storie thriller sono tuttora godibilissime.
Questo “orrore” è il suo primo che ho letto e uno dei miei preferiti,in quanto oltre a divertire e tenere sulla corda demolisce e mette alla berlina il mito della famiglia,uno dei grandi capisaldi dell'America Maccartista dell'epoca,schifosamente puritana e bigotta.
Qui abbiamo una giovane vedova che qualcuno sistematicamente terrorizza; questo qualcuno sa che è allergica alle punture delle api e gliene fa trovare in auto o in camera,e altre carinerie simili. Ovvio che un aspirante assassino così informato è una persona a lei molto vicina,ma la Curtiss è così brava da tenerci nell'incertezza fino alla fine,e anche se quando l'enigma si scioglie il lettore capisce che esso non era nulla di speciale  è ugualmente contento di essere stato tenuto sulle spine con tale maestria.E normalmente fa come ho fatto io;si mette a cercare altri libri dell'autrice,piacevolmente sicuro dell'ora e mezzo di divertimento che ricaverà da esso.

Il libro è uscito in due edizioni,negli anni sessanta nel giallo mondadori e negli anni novanta nei classici del giallo; traduzione buona e fluida,il libro era abbastanza breve già in originale.

-INTRECCIO E SOLUZIONE FINALE;  8/10
-LEGGIBILITA’  9/10
-ATMOSFERA  9/10
-HUMOUR   6/10
-SENTIMENTO   8/10

MEDIA VOTO; 8


Nessun commento:

Posta un commento